Guida alla cittÀ di Siena - HOME | CONTACT | SITEMAP 

Hotel ico
Destinazione
Data di arrivo
Partenza
Il miglior prezzo garantito!

VAL D'Orcia


Val d'Orcia in ToscanaVal d’Orcia, scritto anche Valdorcia, è situato a sud delle Crete e si estende dalle colline a sud di Siena fino al Monte Amiata. Il territorio della Val d'Orcia comprende grandi campi di grano, colline coltivate accuratamente, ruscelli e borghi e paesi medievali come Pienza, che è stata completamente ricostruita a metà del 15° secolo, o Montalcino, una città di collina conosciuta in tutto il mondo per il suo vino rosso Brunello, e Radicofani.
Questi comuni, come Castiglione d'Orcia e San Quirico d'Orcia costituiscono il "Parco artistico, naturale e culturale della Val d'Orcia".

Quest'area è diventata famosa per la bellezza assoluta del suo paesaggio. Molti film sono stati girati in questa zona. Un pò di nomi: "Il paziente inglese", "Il Gladiatore", "Sotto il sole toscano" e "Romeo e Giulietta" sono tutti film che hanno il bellissimo scenario Toscano della Val d'Orcia. Nel 2004 l'intera Val d'Orcia è stata dichiarata dall' UNESCO patrimonio dell'umanità.

Ci sono parecchi percorsi da fare in bici o a piedi, per ammirare i bellissimi paesaggi, ma anche per visitare diverse chiese dell'area come la Chiesa di Sant' Anna o la Chiesa di Sant' Antimo.



Vi suggeriamo di visitare:

Pienza

Pienza, ToscanaPienza è una città rinascimentale, famosa per il suo piano urbano.
Le opere che cambiarono completamente Pienza nel 15° secolo furono volute dal più famoso dei suoi cittadini: Enea Silvio Piccolomini, eletto Papa Pio II nel 1458. Lui volle stabilire la sua residenza Papale presso l'antico Castello di Corsignano, trasformando tutta Pienza in stile rinascimentale. I lavori furono ispirati al modello di una "città ideale" e all'utopia di una vita e di un governo "ideale", nel quale le persone potessero vivere in pace, con un equilibrio perfetto fra uomo e natura.
Il rinnovamento fu fatto sotto la supervisione di Bernardo Rossellino e Leon Battista Alberti.

Da vedere a Pienza: Palazzo Piccolomini, il Duomo (Cattedrale dell'Assunta) che ospita diversi dipinti degli artisti del Rinascimento senese, Palazzo Borgia, Palazzo Comunale.

Come raggiungere Pienza: da Siena prendete in direzione Monteroni - Buonconvento. Dopo Buonconvento, prendete in direzione per San Quirico d' Orcia e da San Quirico proseguite per Pienza.

Visita al Palazzo PiccolominiPalazzo Piccolomini


Prenota ora la tua visita al palazzo con pochi click e in modo semplice e sicuro al 100%!

Acquistando ora il tuo biglietto per la visita del palazzo avrai anche diritto a un'audioguida che ti illustrerà l'intero percorso (disponibile in Italiano, Inglese, Francese, Tedesco e Spagnolo).

Riduzioni


Visita al Palazzo Piccolomini Biglietto Ridotto:
  • Gruppi (15-25 persone)
  • Studenti Italiani
Biglietto Gratuito:
  • Bambini fino ai 5 anni
  • Persone disabili

Prenota ora la tua visita



Monticchiello - il paese del Teatro Povero

Monticchiello - il paese del Teatro Povero

Photo credit

Monticchiello

Monticchiello è una piccola città nel cuore della Val d'Orcia, vicino Pienza.
Il centro medievale è ancora visibile nei resti delle fortificazioni, che sono il simbolo del perioro più fiorente della città, sotto la Repubblica di Siena: le mura e le torri, l'entrata principale alla città, le fortezze, la Chiesa di San Leonardo e Cristoforo del XII secolo con affreschi appartenenti al quattordicesimo e quindicesimo secolo.
Il centro perse la sua importanza strategica dopo la caduta della Repubblica Senese e l'annessione alla Repubblica di Firenze.

Oggi Monticchiello è famosa per il suo Teatro Povero, una manifestazione di teatro di strada progettato e sviluppato interamente dalla popolazione locale, che si occupano di scrivere le storie sulla vita del villaggio e la storia di Monticchiello, di creare le scene e comporre la musica. Queste scene sono poi recitate dagli abitanti stessi.
Gli spettacoli si svolgono dalla metà di luglio alla metà di agosto, tutte le sere eccetto il Lunedi.

Per maggiori informazioni: http://www.teatropovero.it/


Montalcino

Montalcino in ToscanaMontalcino è conosciuta in tutto il mondo, specialmente per il suo vino, il famoso "Brunello di Montalcino".
La città, prende il nome dalle molte quercie (Montalcino = montagna di quercie) diffusa nella zona e raffigurata nello stemma comunale, è situata tra i Crete Senesi e la Val d'Orcia, vicino a Pienza e Monte Amiata.

Leggi di più su Montalcino.


San Quirico d'Orcia in Toscana

San Quirico d'Orcia

L'antico paese che sorge nel nord della Val d'Orcia ha origini etrusche. Possedimento di Siena fin dal 1256 ha mantenuto intatte le sue origini medievali.
Al suo interno di possono vedere gli splendidi edifici rinascimentali, le mure medievali, la Collegiata dei Santi Quirico e Giulitta, il bel Parco degli Orti Leonini (Horti Leonini).


Una suggestiva visita alla Val d'Orcia: TRENO NATURA - la ferrovia turistica della Val d'Orcia

dal sito ufficiale:

Treno natura in Valdorcia"A circa due chilometri di distanza dalla stazione di Asciano, la ferrovia attraversa ampie vallate con audaci viadotti e gallerie. Stupenda la visuale sulla destra, dove l'occhio spazia verso le suggestive formazioni di calanchi che circondano l'Abbazia di Monte Oliveto Maggiore. Alla fermata di Trequanda si entra nella valle dell'Asso. Il treno corre in mezzo a dolci colline dai classici colori delle Crete Senesi e raggiunge il paese di San Giovanni d'Asso, dominato dal castello medioevale. Ora la linea, sempre ben inserita nell'incantevole paesaggio, prosegue verso la monumentale stazione di Torrenieri-Montalcino, costruita nel 1865, superata la quale ci si addentra in un territorio ampiamente coltivato, per affiancarsi sempre di più al torrente Asso. Alla destra della ferrovia si intravede in lontananza la sagoma di Montalcino, preceduta dalle distese di verdi colline coperte di vignete, che producono il pregiato vino Brunello. Nei prati le mandrie pascolano tranquillamente, per niente disturbate dalla corsa del treno. Spesso si incontra ai bordi della ferrovia qualche esemplare di fauna selvatica, come fagiani, lepri, volpi, cinghiali e daini. Dopo la galleria di Casalta, la linea entra in Val d'Orcia e raggiunge il piccolo abitato di Monte Amiata Scalo. Superato questo, si avvicina al sassoso letto del fiume, fino quasi a confondersi con esso. Per un breve tratto, sulla destra, si scorge il borgo di Castelnuovo dell'Abate, costruito nei pressi dell'antica Abbazia di Sant'Antimo, mentre a sinistra domina imperiosa la montagna, sulle cui pendici si distinguono i contorni sfumati dei vari paesi. Laddove la valle si allarga, la ferrovia entra nelle distese di vigneti e frutteti di Villa Banfi e raggiunge la stazione di Sant'Angelo-Cinigiano, intorno alla quale è sorto il paesino di Sant'Angelo Scalo. Treno Natura presso Lucignano d'Arbia (foto di Benedetto Sabatini) Seguendo ancora la valle dell'Orcia, il treno corre verso la Maremma e, passando sotto il castello di Poggio le Mura, sede del museo del vetro, valica il fiume Ombrone entrando nella stazione di Monte Antico. A circa 300 metri di distanza termina la lunga corsa dell'Orcia, iniziata molti chilometri a monte, tra la Rocca di Radicofani e il Monte Cetona. Le sue limpide acque si uniscono a quelle del fiume Ombrone scorrendo lentamente fino al mare. La nostra linea confluisce nell'altra proveniente da Siena via Buonconvento e prosegue fino all'incontro con la ferrovia Tirrenica sotto il borgo medioevale di Montepescali."

testo di Stefano Maggi


This Page Is Valid HTML 4.01 Transitional! This document validates as CSS!
© Copyright: About Siena – your tourist guide to Siena
Webdesign and SEO by Web Marketing Team – P.I 05622420486